Totò – ‘A livella

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanzaper i defunti andare al Cimitero.Ognuno ll’adda fà chesta crianza;ognuno adda tené chistu penziero. Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,di questa triste e mesta ricorrenza,anch’io ci vado,e con dei fiori adornoil loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza. St’anno m’é capitato ‘navventura…dopo di aver compiuto il triste omaggio.Madonna! si ce penzo,e che paura!,ma po’ facette un’anema e curaggio. ‘O fatto è chisto,statemi … Continua a leggere

‘E dduje ‘nnammurate – Antonio De Curtis (Totò)

For’ ‘o balcone tengo na cajola cu dinto nu canario ‘ncardellato, che canta tutt’ ‘o iuorno a squarciagola pecchè st’aucelluzzo è ‘nnammurato ‘e na canaria bionda comm’ a ll’oro, comm’ ‘e capille d’ ‘a padrona soja; e io pure pe sta bionda me ne moro e canto appriesso a isso… ch’aggia fà??! E tutt’ e dduje cantammo inutilmente isso “Volare” … Continua a leggere

L’invito a cena – Totò Peppino e i fuorilegge

  Si fosse n’auciello, ogne matinavurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:“Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!”.E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille e chiano chiano, comme a na carezza,cu stu beccuccio accussi piccerillo,mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo… si fosse nu canario o nu cardillo.    

Uocchie ca me parlate – Totò

Chist’uocchie tuoie che cagnanoculore ogne mumentoso belle quanno chiagneno,so chine ‘e sentimento,comm’ a ddoie fiamme ardentesongo stelle lucenteca tiene nfronte tu! Uocchie ca me parlate,dicitincello a chi ve tene ‘nfronteca quanno me guardateme sbatte ‘o core ‘mpietto comm’ a cche…Uocchie ch’annammurate,vuie site ‘a luce ‘e tutta ‘a vita mia…Dicitelo a Mariaca senza ‘e ‘st’uocchie nun pozzo campà! Chist’uocchie tuoie ca … Continua a leggere