‘O munaciello . Storie napoletane

Senza dubbio ‘O Munaciello è il personaggio piu’ nominato e piu’ temuto dai napoletani. Questi rappresenta lo spiritello dispettoso e bizzarro che, con il suo imprevedibile comportamento, ne fa l’entita’ piu’ citata nelle leggende. Al comportamento dispettoso spesso si accompagnano benevoli “lasciti” in moneta contante. In questo caso non bisogna rivelare a nessuno l’episodio, pena l’accanimento del Munaciello nei nostri confronti. … Continua a leggere

Odio e lacrame – Nino D’Angelo

Siente siè sta parlannoCu parole ca sanno ‘e cunfiette ca dinto so’ amare‘o silenzio se regne ‘e sta voce c’arriva int’ ‘e casencopp’ ‘e tavole ‘e chi addorme ‘e figlie cu ‘e allucche e cu ‘e vasesiente, siè, ha sparatosta tempesta pareva fernutama mo è accumminciata‘a ricchezza che sta int’a ‘na terraè de chi llà c’è natoe se vence o … Continua a leggere

Ciucculatina d’a ferrovia – Nino D’Angelo [LIVE]

Ciucculatina da ferroviapioggia ‘e capille biondete l’accarezza ‘o vientoe tu che staie penzanno Ciucculatina da ferroviamalboro ‘e contrabbande‘nnanza na bancarellascugnizza e santarellae nun t’aspetta nientequanno fernesce ‘o juornote pierde ‘mmieza genteca nun cunusce ‘e suonne E si’ ccrisciutaaddo’ se nasce gia’ crisciutenunne pazziatotu ‘e ppazzielle nun l’he’ avuteforse si’ stata qualche vota ‘nnammuratama nisciuno t’ha credutoe nun cride ca ‘inta … Continua a leggere

Il Testamento di Raffaele Viviani recitata da Nino D’Angelo

 Si overo more ‘o cuorpo sulamente e ll’anema rinasce ‘ncuorpo a n’ato, ì mo sò n’ommo, e primma che sò stato? ‘na pecora, ‘nu ciuccio, ‘nu serpente? E doppo che sarraggio, ‘na semmenta? n’albero? quacche frutto prelibbato? Va trova addò staraggio situato: si a ssulo a ssulo o pure ‘mmiez”a ggente. Ma ‘i nun ‘e faccio ‘sti raggiunamente: ì saccio … Continua a leggere

Na storia e na femmena perdute – (testo di Giuseppe Lubrino)

Na guagliuncelle crisceve addò l’addore d’o mare e ‘o calore d’o sole nun mancano maije.   Signurenella ncuntraije l’ammore nu vase buciarde a sapette ngannà, le restaijne sule lacreme e dulore s’addumantave ‘o bbene addò stà!   Na sera ‘e vierno cù l’uocchie nfuse senza nu raggie ‘e sole ca ce puteve asciuttà, affruntaije ‘o destine perdennase int’a nu treno … Continua a leggere

IL PRESEPE A NAPOLI

“STORIA DEL PRESEPE NAPOLETANO” L’ORIGINE DEL PRESEPE L’origine del presepe è da ricondurre alle antiche rappresentazioni sacre svolte nel periodo delle feste natalizie, dalla quali san Francesco avrebbe tratto l’idea del presepe, realizzandolo per la prima volta in un bosco presso Greccio, nel Natale del 1223. Già alla fine del ‘200 apparvero rappresentazioni artistiche della Natività. La più antica è … Continua a leggere

Ajere – Eduardo De Crescenzo

AjerePassanno ncopp’ ‘e viche d’ ‘e quartiereVedette cose ca nun ce se credeAjereA mille…CriatureMo’ basta a cammenà pe sotto e mureScennite miez’ a via senza alluccàVuje pe parlà tenite l’uocchie d’ ‘e criatureajzate a faccia senza avè appaurastennite ‘e panne mmiezo a sta cittàchi passa e guarda ha’ da penzàAjerePassanno ncopp’ ‘e viche d’ ‘e quartiereme so’ venute ncapa sti … Continua a leggere

Dicitancello vuije – Eddy Napoli

  Dicitencello a ‘sta cumpagna vostach’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia…ch”a penzo sempe,ch’è tutt”a vita mia…I’ nce ‘o vvulesse dicere,ma nun ce ‘o ssaccio dí… Rit.’A voglio bene…‘A voglio bene assaje!Dicitencello vujeca nun mm”a scordo maje.E’ na passione,cchiù forte ‘e na catena,ca mme turmenta ll’anema…e nun mme fa campá!… Dicitencello ch’è na rosa ‘e maggio,ch’è assaje cchiù bella ‘e … Continua a leggere

Suonno d’o mare (Testo di Giuseppe Lubrino)

Guardo ‘o cielo n’cuolle ‘a mme, abbandone ogni speranza e ogni pecchè nun è indifferenza si ‘o vuò sapè chesta è ‘a certezza ‘e t’appartenè. Guardo ‘o sole n’facce ‘a mme, stute ‘e ricorde d’o core, ogni notte tu staje cu mme, peccato ca è sule nu suonne d’o mare…   Sonnane l’onne accumpagnate a stù viente, ‘o sole e … Continua a leggere

Totò – ‘A livella

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanzaper i defunti andare al Cimitero.Ognuno ll’adda fà chesta crianza;ognuno adda tené chistu penziero. Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,di questa triste e mesta ricorrenza,anch’io ci vado,e con dei fiori adornoil loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza. St’anno m’é capitato ‘navventura…dopo di aver compiuto il triste omaggio.Madonna! si ce penzo,e che paura!,ma po’ facette un’anema e curaggio. ‘O fatto è chisto,statemi … Continua a leggere