“Pensieri slegati” (Testo di Giuseppe Lubrino)

In questo inferno tutto brucia tra l’ipocrisia e la superficialità, in nome di un apparente quietudine tutto tace e si seppellisce ogni verità. I Sovrani frodano la plebe Roma è governata dalle belve. Un misero pietismo si respira la Domenica, ormai si è perda di un lassismo che degenera. Tutti t’invochiamo nessuno ti ascolta! Non ti poniamo una domanda che … Continua a leggere

Un giorno (Testo di Giuseppe Lubrino)

Un giorno si capirà che l’egoismo andava fermato, bisognava cambiare mentalità per evitare che il mondo fosse giudicato.   Un giorno si capirà che al male si doveva rispondere col bene, che ci voleva più cuore e meno razionalità!   Un giorno tutto cambierà questa è una speranza, ovviamente, non è certezza. Una stella brillerà e su un altra strada … Continua a leggere

“ Na preghiera” (testo di Giuseppe Lubrino)

Sta spuntanne ‘o sole miez’a stù munno scure, ncopp’a sta terra ce vo nu raggio ‘e luce, miez’a sti guerre ce vo nu muorze ‘e pace.   Sta spuntanne ‘a luna pazzeane ‘e stelle, ‘ncopp’a sta muntagna sonane e campane e io m’arricorde ‘e nu juorne luntane.   Aizò na preghiera pè mme, pè tte, pè tutt’o munno! ‘O tiempe … Continua a leggere

‘O munno d’e parole di Eduardo De Filippo

Si t’ ‘o ddico nun me cride manco si pittass’ ‘o sole pecché ‘o munno d”e pparole mpara ll’arte d”o pparlà. E tu saje ca st’arte è l’arte ca se sceglie ‘o traditore pecché l’ommo senza core fa furtuna c’ ‘o pparlà. Io, gnorsì, pire sò chillo c’ha liggiuto e s’è applicato; c’ ‘o mestiere s’ha ‘mparato, e se serve … Continua a leggere

Voglia ‘e te raccuntà (testo di Giuseppe Lubrino)

Ce vo ‘a fantasia pè putè sunnà, quanno ‘a vita s’arrevote e nun ‘a saije cchiù piglià si cade pruvace n’ata vote ‘e e chistù scure nun te spaventà.   Ch’voglia ‘e te raccuntà sti notte senza suonne, scetato sule ‘a penzà fino ‘a quanno sciarave juorne. Ch’voglia e te raccuntà d’a luna ca danzave attuorne ‘e stelle, me ncantave … Continua a leggere