“Duije culure” (Testo di Giuseppe Lubrino)

 

TAO.png

Se solo potrei parlarti

la mia vita diventasse

come un sorso d’acqua nel deserto,

se poi riuscissi a spiegarti,

potrei porre fine a questo dispetto.

 

Tutto scivola,

l’indifferenza è un treno diretto

che conduce i cuori alla deriva,

c’è chi lo rivendica poi non ce l’ha il rispetto.

 

Quann’anne vuò campà

sta vita tutt’scumbinata,

tu nun t’arrienne e vaije

addò ‘a luce s’he stutate.

Quann parole me vuò dì…

io sto ccà a subbì, senza dignità!

Ma mo tu m’hai sentì

meglio cumbattare na buscia

e a muri p’a Verità.

 

Se solo avessi potuto fermare il tempo

tutti quei momenti

sarebbero diventati eterni.

Ma la vita scorre in fretta,

dall’inverno alla primavera,

i fiori nei campi

renderanno la tua vita più vera.

 

Quannù tiempe addà passà

primme e te fermà,

arape chist’uocchie

e accumience a vedè

‘o bene e ‘o male addò stà.

Primme e parlà cu mme

fatte doije chiacchiare cu a cuscienza,

e chesta vita tutt’pè tte,

e nun me accirare chesta Speranza!

Parlo sule cu ‘o fridde

pur’iss’ me sta assentì,

sciosce forte pure ‘o viente

e ‘a luna s’annaccoije nun me vò verè,

d’aijere nun me resta cchiù niente,

e dimane forse manco ‘o sole riesco a vedè.

“Duije culure” (Testo di Giuseppe Lubrino)ultima modifica: 2012-12-15T12:41:00+01:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo