Canzona appassiunata – Poesia di E. A. Mario

220px-E__A__Mario.jpg

N’albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore…
na ventecata giá mme ll’ha spezzato
e tutte ffronne cágnano culore…
cadute só’ giá ‘e frutte: e tuttuquante,

erano doce, e se só’ fatte amare…
ma ‘o core dice: “oje giuvinotto amante,

‘e ccose amare, tiénele cchiù care…”
e amara comme si’, te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí…
te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí…

era commo canario ‘nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera…
“scétate!” io dico e nun vò’ stá sceta

to…
e mo, nun canta manco a primmavera!…
chi voglio bene nun mme fa felice:
forse sta ‘ncielo destinato e scritto.
ma i’ penzo ca nu ditto antico dice:
“nun se cummanna a ‘o core”. e i’ mme stó’

zitto!…
e mme stó’ zitto, sí…te voglio bene…

te voglio bene e tu mme faje murí..
te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí…

chiagno p’ammore, e cade ‘o chianto mio

dint’a ‘sta testa: ‘o chianto ‘a sta ar

racquanno…
schiòppa na bella rosa e i’, pe’ gulio,

a chi mm’ha fatto chiagnere nce ‘a manno.

lle dico: “rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza…”
ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
“fa’ bene e scorda e si faje male penza…”

pènzace buono sí…te voglio bene…
te voglio bene e tu mme faje murí…
te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí…

Canzona appassiunata – Poesia di E. A. Marioultima modifica: 2012-11-22T00:50:44+01:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo