“In quest’epoca” (Testo di Giuseppe Lubrino)

in quest'epoca, pensiero, poesie, filosofia, baglori umani, giuseppe lubrino, anemaecore

Senza un’ispirazione

come cenere si consuma il tempo

malgrado sia una convenzione

influenza l’esistenza ed è un tormento.

 

Incidilo sul tuo cuore

il mio bene non ti mancherà

quando sarai affranta dal dolore

sarò il vincastro che ti sosterrà.

 

In quest’epoca

del raffreddamento degli animi,

ci manca quella fiamma che dia ardore,

si inseguono paradisi artificiali

aumenta la diffidenza diminuisce il calore.

Ci vuole una rispolverata

ai nobili sentimenti,

una rettificata

agli abituali comportamenti,

per ricondurre l’uomo

alla radice delle emozioni.

 

Senza una motivazione

si vive aggrappandosi al caso,

per ogni dispiacere si va in depressione

si è smarrito il senso vero del bello.

Non sono un profeta del malaugurio

né un pessimista del futuro,

magari una sentinella dell’Amore

che si sforza di incarnare un ideale.

 

In quest’epoca

di mal affari e inganni

la notte si rincorre il sole,

di giorno si pretende la luna.

La società è squilibrata

in ogni suo settore.

Il ruolo in una vita

si riduce a quello di un attore.

Per guarire questa patologia

è necessario ravvivare

il desiderio della gnoseologia.

 

Si potrà giungere

alle sorgenti dell’Amore

per poi ripartire

per la costruzione

di un ‘esistenza migliore.

 

“In quest’epoca” (Testo di Giuseppe Lubrino)ultima modifica: 2012-07-19T21:12:00+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo