“Senza di Te non ho alcun Bene” [Salmo 16 (15)]

mare e cielo.jpg

1 Miktam. Di Davide.
Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.
2 Ho detto a Dio: «Sei tu il mio Signore,
senza di te non ho alcun bene».
3 Per i santi, che sono sulla terra,
uomini nobili, è tutto il mio amore.
4 Si affrettino altri a costruire idoli:
io non spanderò le loro libazioni di sangue
né pronunzierò con le mie labbra i loro nomi.
5 Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:
nelle tue mani è la mia vita.
6 Per me la sorte è caduta su luoghi deliziosi,
è magnifica la mia eredità.
7 Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;
anche di notte il mio cuore mi istruisce.
8 Io pongo sempre innanzi a me il Signore,
sta alla mia destra, non posso vacillare.
9 Di questo gioisce il mio cuore,
esulta la mia anima;
anche il mio corpo riposa al sicuro,
10 perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro,
né lascerai che il tuo santo veda la corruzione.
11 Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena nella tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.

 

Riflessione

Pace a tutti voi in Cristo Gesù. Volevo porre sotto la vostra attenzione questo bellissimo Salmo di Davide.

 

Innanzitutto, questo è un Salmo di fiducia con motivi sapienziali. La tradizione Biblica lo ha attribuito a Davide, ma sappiamo che in Ebraico il le-Dawid può essere sia il genitivo che il dativo, per cui può essere sia salmo di/per Davide. L’orante fa una professione esclusiva di fede in Jahvè, in contrapposizione all’idolatria e soprattutto alla pratica dei sacrifici umani tipica delle religioni politeiste. Il salmista era sicuramente un sacerdote Levita, ciò si evince dai versi 3-6, infatti “il Signore è mia eredità” è una chiara allusione alla spartizione della Terra promessa, dove ai leviti in eredità toccò il Tempio e quindi il culto e tutto quanto riguardava Jahvè. (Gs 13,14; Dt 10, 9) Il salmista rispecchia l’Uomo Biblico poiché ha con Jahvè un rapporto vitale, la sua Vita è inconcepibile lontana dalla presenza del Signore. Canta la Gioia e l’amore di appartenere all’Unico vero Dio, Jahvè.

Nel Nuovo Testamento questo Salmo viene applicato a Cristo dagli agiografi. (cf At 2,24-32; 13,34-36). Detto questo, cerchiamo di calarlo nella nostra vita.

 

Ogni credente praticante in virtù del battesimo ricevuto diviene in Cristo, Re, Sacerdote e Profeta. Re in quanto si sforza di vivere la sua esistenza con responsabilità, ossia tenendo conto che vive in una società con delle regole da osservare e quindi è chiamato a rispettare gli altri come se stesso, vivere da re è vincere il peccato e la tentazione, con l’obbedienza e la perseveranza nel Bene. Sacerdote in quanto tutte le azioni del credente facciano da tramite tra il suo prossimo e Dio, ossia pregare per gli altri, offrire a Dio più che il sacrificio delle labbra quello del proprio cuore, in Cristo nostro Signore. Profeta in quanto l’Uomo Credente testimonia con le parole e le azioni che è possibile vivere in Cristo già qui ed ora; Per cui come il salmista, anche noi possiamo avere la Fiducia ferma in Dio che non abbandonerà la vita del suo servo fedele alla morte, ma la riscatterà, donandoci una Vita Vera e Beata! Come il salmista, anche noi possiamo e “dovremmo” esclamare “senza di te non ho alcun bene!” Perché al dire del Gesù terreno nessuno è Buono se non il Padre Celeste. Infine anche noi, come il salmista, possiamo e “Dovremmo” cantare la gioia, nonostante le assurdità della vita, di appartenere a Cristo e di avere il coraggio in un mondo invaso dalle tenebre in tutti i settori di schiarirci ancora dalla parte della Luce, di Cristo Signore, che non si conformò alla corruzione, al peccato e all’ipocrisia. Esortati da questa Parola, sforziamoci di incarnarla nella nostra Vita, più che di predicarla attraverso i tanti strumenti (come il pc) che il mondo ci metta a disposizione, solo così potremmo convincere il mondo quanto al peccato e indurlo alla conversione vera, quella del cuore.

 

Giuseppe Lubrino

 

“Senza di Te non ho alcun Bene” [Salmo 16 (15)]ultima modifica: 2012-07-03T21:23:52+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo