Il Testamento di Raffaele Viviani recitata da Nino D’Angelo

 Si overo more ‘o cuorpo sulamente

e ll’anema rinasce ‘ncuorpo a n’ato,

ì mo sò n’ommo, e primma che sò stato?

‘na pecora, ‘nu ciuccio, ‘nu serpente?

E doppo che sarraggio, ‘na semmenta?

n’albero? quacche frutto prelibbato?

Va trova addò staraggio situato:

si a ssulo a ssulo o pure ‘mmiez”a ggente.

Ma ‘i nun ‘e faccio ‘sti raggiunamente:

ì saccio che songh’io, ca sò campato,

cu tutt’ ‘o buono e tutt’ ‘o mmalamente.

E pè chello che songo sto appaciato:

ca, doppo, pure si nun songo niente,

saraggio sempe ‘n ‘ommo ca sò nato.

 

 

NapoliSfondoVesuvio.jpg

Il Testamento di Raffaele Viviani recitata da Nino D’Angeloultima modifica: 2012-01-05T12:13:30+01:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo