Battaglia spirituale [Ef 6,10-20]

san Paolo, efesini, teologia, bibbia, vangelo, nuovo testamento, cristo, lettere paoline, esegesi, battaglia spirituale, bene, male, Spirito santo10 Per il resto, attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza. 11 Rivestitevi dell’armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo. 12 La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.
13 Prendete perciò l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove. 14 State dunque ben fermi, cinti i fianchi con la verità, rivestiti con la corazza della giustizia, 15 e avendo come calzatura ai piedi lo zelo per propagare il vangelo della pace. 16 Tenete sempre in mano lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno; 17 prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, cioè la parola di Dio. 18 Pregate inoltre incessantemente con ogni sorta di preghiere e di suppliche nello Spirito, vigilando a questo scopo con ogni perseveranza e pregando per tutti i santi, 19 e anche per me, perché quando apro la bocca mi sia data una parola franca, per far conoscere il mistero del vangelo, 20 del quale sono ambasciatore in catene, e io possa annunziarlo con franchezza come è mio dovere.
 

Riflessione:

Pace a tutti voi in Dio Padre nostro e nel Signore Gesù Cristo, che mediante il suo Spirito ci guidi e ci sostenga sempere. Volevo porre sotto la vostra attenzione, miei cari, questo brano tratto dalla lettera di San Paolo Apostolo indirizzata ai Cristiani di Efeso. La tradizione Cristiana, ritiene che fu composta da Paolo durante la sua prigionia a Roma nel 62 d.C. Tuttavia, alcuni esegeti sono del parere che si tratti di uno scritto pseudografico, ossia, attribuito a Paolo, ma non composto direttamente da lui e credono che risalga dopo l’80 d.C. Detto questo, ci soffermiamo ora su questi dieci versetti, che ritengo ci possano essere di grande confroto per la nostra vita spirituale, ossia in Cristo Signore Nostro. Nei primi cinque versetti, abbiamo un fortissimo invito a rivestirci delle armi che ci ha donato il Redentore, quindi ad essere nel Vero e nel Giusto! Infatti, secondo la Bibbia solo sfrozandoci di restare nella Verità e nella Giustizia, siamo poi in grado di combattere il “Male” e gli spiriti del “Male”! Che operano e come! Infatti Paolo, ci avverte che non è contro i nostri simili che dobbiamo lottare, ma contro gli spiriti malvagi, difatti, “carne e sangue” nella Bibbia indicano la condiction humane, la fragilità del peccato; Paolo tuttavia, nel dirci che non è contro la carne che dobbiamo lottare, ma contro gli spiriti, ci informa che questi ultimi per farci del male spesso si avvlgono dei nostri simili, con questo non voglio dire che tutti i coloro che ci fanno del male siano posseduti! Ma che tuttavia, ritengo che in qualche modo come ci sono uomini a servizio del regno di Dio e della sua Giustizia, ci sono altre persone che consapevolmente o inconsapevolmente si rendono strumenti del male. Come ? Beh la risposta ci viene dal testo stesso: ogni qualvolta che non “Restiamo” nei parametri della Verità e della Giustizia, ci rendiamo strumenti del maligno! Noi, non dobbiamo immaginare il male come delle entità che ci perseguitano, o che incidano chissà quanto sulla nostra vita, queste ritengo sono solo storielle e sciochezze da film e fantasie varie! Che taluni, spesso se ne servono semplicemente per evadere da realtà più concerte e veritiere. Inoltre, al verso 5, Paolo invita i Cristiani ad essere Testimoni del Vangelo: quindi ad annunciare al mondo la salvezza che Dio Padre ha realizzato nel Figlio suo mediante lo Spirito Santo. Dai versetti 16-20 siamo esortati a difenderci con lo scudo della Fede, quindi a perseverare nella fede che professiamo, ad abbandonarci allo Spirito santo e ad usare la sua SPADA che è la Parola di Dio! Infine, abbiamo un grande invito a PREGARE INCESSANTEMENTE!  Spesso nella vita si vivono dei momenti tristi e bui, che secondo la Bibbia fanno parte della vita dei FIGLI di Dio, per cui invito tutti voi lettori a guardarvi dalle persone che vi dicono che i momenti tristi non sono da Dio e che vogliono apparire ai vostri occhi come santi, perfetti e immacolati perchè questo attegiamento vi rivela un altra faccia del “Male” che da sempre è all’opera verso i figli di Dio. 1) Perchè chi agisce in questo modo rende Dio bugiardo e rende vana la sua Parola; 2) Evidentemente una persona che vive e pensa in questo modo, fondamentalmente non ha bisogno di Dio quindi è un “Ateo” magari vestito da credente; 3) è semplicemente un buagiardo e quindi non rientra nei parametri che ci fornisce la Parola di Dio, ossia Giustizia e Verità! Quindi esortati da questa Parola, miei cari, tuffiamoci nella Preghiera, affinchè con l’aiuto e la Potenza del Risorto possiamo affrontare e vincere ogni avvresità! E nella concretezza della nostra vita, possano trionfare con la grazia di Dio La Verità e la Giustizia!

Preghiera

Dio Padre santo, ti prego di illuminare il mio cuore, affinchè possa sempre tenermi stretto alla Verità e alla Giustizia che solo da te Provengono e con il mio esempio possa illuminare a mia volta tutti i coloro che hai messo sul mio cammino, ti chiedo di SOSTENERE, PROTEGGERE E AIUTARE, chi in questo momento soffre e sta male. Te lo chiedo nel Nome del tuo Figliolo Gesù Cristo. Amen

by Giuseppe Lubrino

Battaglia spirituale [Ef 6,10-20]ultima modifica: 2011-12-15T19:55:29+01:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo