La vita dopo la morte (Riflessione Bibblica)

dio-cascata.jpgPremessa

Pace a tutti nel Signore Gesù. Vorrei fare una riflessione, su un tema che a mio avviso, fin dalla notte dei tempi ha “tormentato” l’uomo ossia, cosa ci aspetta dopo la morte? Ebbene, miei cari, questo interrogativo da sempre ha inquietato gli essere umani. Com’è mia consuetudine farò appello alla Parola del Signore e nella misura in cui mi renderò degno di farmi guidare dallo Spirito Santo, cerhcerò di confortare voi e anche me.

Concezione della morte nell’AT

Faremo una piccola rassegna Bibblica, partendo dall’AT fino al culmine della Rivelazione del Dio della Bibbia, che si realizza pienamente nella persona di Gesù Cristo nel NT. (cf. Eb 1,1-3; Gv 1,1-18). Inanzitutto ci chiederemo una cosa, ossia, perchè la morte? Era necessario da parte del Dio della Bibbia, che gli uomini sperimentassero la morte? Cosa intende realmente la Bibbia quando ci parla della “morte”? A mio avviso, la risposta si trova nella Genesi e da una lettura attenta dei seguenti passi:

Genesi 3

1 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: «È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?». 2 Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3 ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete». 4 Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! 5 Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male». 6 Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. 7 Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.
8 Poi udirono il Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno e l’uomo con sua moglie si nascosero dal Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. 9 Ma il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?». 10 Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto».
11 Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?».
12 Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». 13 Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».

Ecco, se fate caso al dialogo che si svolge tra il serpente e la donna ci sono non pochi aspetti importanti e da tener conto per la nostra “indagine”: al verso 1b il serpente incomincia il dialogo con Eva, con la bugia poichè le chiede:” «È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?». Quindi Eva in un certo senso cede sin dall’inizio al tentatore, al verso 6 quando ci vien riferito dall’agiografo che la Donna vide che era “desiderabile”, “gradito”, “buono” sono tutti termini che nella Bibbia indicano la tentazione, il peccato, difatti il vero peccato non è affatto quello che la tradizione ha insegnato per anni, ma in questo contesto il vero peccato è la disobbedienza! Infatti, come vi dicevo nell’avvertimento di Dio, non vi è affatto l’affermazione con cui il serpente apre il dialogo con la donna:

15 Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse.
 16 Il Signore Dio diede questo comando all’uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, 17 ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti».(Gn 2,15-17).

 Quindi il serpente è inngannevole! E Fate caso ad un altro piccolo dettaglio, nel avvicinarsi ad Eva, in un certo senso, il demonio usa le parole di Dio, ovviamente in modo scorretto e con astuzia! E’ mezognero! A questo punto sorge un altra piccola domanda: ma Adamo ed Eva dopo aver comesso quest’atto di disobbedienza, che fine fanno? Muiono, come aveva predetto Dio? La Bibbia ci dice che vivono e che genarano figli:

Genesi 4

1 Adamo si unì a Eva sua moglie, la quale concepì e partorì Caino e disse: «Ho acquistato un uomo dal Signore». 2 Poi partorì ancora suo fratello Abele. Ora Abele era pastore di greggi e Caino lavoratore del suolo.

Infine:

Genesi 5

1 Questo è il libro della genealogia di Adamo. Quando Dio creò l’uomo, lo fece a somiglianza di Dio; 2 maschio e femmina li creò, li benedisse e li chiamò uomini quando furono creati. 3 Adamo aveva centotrenta anni quando generò a sua immagine, a sua somiglianza, un figlio e lo chiamò Set. 4 Dopo aver generato Set, Adamo visse ancora ottocento anni e generò figli e figlie. 5 L’intera vita di Adamo fu di novecentotrenta anni; poi morì.

Miei cari Adamo visse 930 anni!!! Quindi Dio non fu fedele alla sua Parola? Poichè:” 16 Il Signore Dio diede questo comando all’uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, 17 ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti»” (cf. Gn 2,16-17). Come stanno le cose? La Bibbia mente? La riposta è no! Poichè la Bibbia ha il suo linguaggio e il vivere e il morire nella Bibbia esprimono la Relazione della creatura con il Creatore! Questo ce lo testimonia un famoso passo Bibblico del libro della Sapienza:

 2,24

Ma la morte è entrata nel mondo per invidia del diavolo;
e ne fanno esperienza coloro che gli appartengono.

Or dunque, su questa afferamzione c’è da porsi una domanda fondamentale, Gesù Cristo Figlio di Dio, è stato crocifisso no? Quindi apparteneva al diavolo? I giusti che sono morti prima e dopo Cristo, appartengono al demonio? Certamente no! Quindi la vera nozione di “morte” nella Bibbia è se l’uomo vive o meno alla Presenza di Dio! Da questo dipende la Vita e da questo la morte se vivi in fedeltà ai comandamenti di Jahvè o meno! Infine, miei cari un altra distinzione fondamentale va fatta, tornando alle origini:

“7 allora il Signore Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente.” (cf Gn 2,7). 

Secondo la Bibbia, l’uomo è composto da corpo e spirito, infatti, è questo che lo distingua dagli altri animali. (cf. Gn 1,20-24; 2,18-20).

Ora per giungere ad un primo stadio della nostra indagine, miei cari, bisogna tener conto di questi aspetti: a) nella Bibbia quando si parla di “morte”, non necessariamente essa indica la morte biologica, ossia del corpo, nè tanto meno quest’ultima chiude il capitolo!; b) L’Uomo secondo la Bibbia è dotato di “spirito” e “carne”; c) Infatti, l’eccelesiaste si chiedeva:” 19 Infatti la sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa; come muoiono queste muoiono quelli; c’è un solo soffio vitale per tutti. Non esiste superiorità dell’uomo rispetto alle bestie, perché tutto è vanità. 20 Tutti sono diretti verso la medesima dimora:
tutto è venuto dalla polvere
e tutto ritorna nella polvere.
21 Chi sa se il soffio vitale dell’uomo salga in alto e se quello della bestia scenda in basso nella terra?” (cf. Ql 3,19-21).

Bene miei cari la ripsota all’Ecclesiaste gliela dà Cristo, ma prima di affrontare il discorso del NT, è doveroso dirvi che per gli ebrei la morte del corpo era concepita come il sonno e lo spirito nella concezione ebraica vagava nelle tenebre, ossia nel regno dei morti, situato negli abissi, nello scheol che in greco diventerà ades che nella concezione del mondo antico si trovava al di sotto degli abissi del mare.

9 Gli inferi di sotto si agitano per te,
per venirti incontro al tuo arrivo;
per te essi svegliano le ombre,
tutti i dominatori della terra,
e fanno sorgere dai loro troni tutti i re delle nazioni.
10 Tutti prendono la parola per dirti:
Anche tu sei stato abbattuto come noi,
sei diventato uguale a noi.
11 Negli inferi è precipitato il tuo fasto,
la musica delle tue arpe;
sotto di te v’è uno strato di marciume,
tua coltre sono i vermi. (Is 14, 9-11).

Ecco in questo brano del profeta Isaia, alla morte del tiranno Nabucodonosor, gli inferi lo accolgono e cantano per la sua morte! E’ un’ altra testimonianza che per l’Antico testamento con la morte biologica non finiva tutto! (cf. 1Sam 28,7-24).

La vita dopo la morte nel NT

Siamo giunti al cuore della Rivelazione di Dio ai suoi figli. Vediamo il Maestro cosa ci dice della vita dopo la morte, inanzitutto il Nuovo testamento ha la stessa concezione dell’AT ossia: che il vivere e il morire sono connessi all’accettare o meno Dio nella nostra esistenza.

 22 il Padre infatti non giudica nessuno ma ha rimesso ogni giudizio al Figlio, 23 perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. 24 In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. 25 In verità, in verità vi dico: è venuto il momento, ed è questo, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio, e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno. 26 Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso; 27 e gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell’uomo. 28 Non vi meravigliate di questo, poiché verrà l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e ne usciranno: 29 quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna. 30 Io non posso far nulla da me stesso; giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. (cf Gv 5,22-30).

Gesù dice chiaramente che chi Ascolta e Crede al suo Annuncio: è passato dalla morte alla vita! E non in un ipotetico domani ma all’Istante!

Detto questo, non ci resta altro che dire che la morte del corpo, secondo la Bibbia è una conseguenza naturale, d’altronde, tutto nella natura nasce, cresce, muore e si riproduce è un ciclo continuo, infatti il corpo in quanto materia svolge la medesima funzione, ma ciò che ci deve rasserenare è che non siamo fatti solo di materia, ma anche di spirito e questo spirito alla morte biologica continua a vivere e torna a Dio, in attesa della Resurrezione finale, ossia della carne; infatti basta guardare la Vita di Gesù, Gesù durante i tre giorni in cui il suo corpo riposava nella terra egli in spirito entrò nell’Ades a liberare gli spiriti che attendevano in prigione!

1Pietro 3,18-19

18 Anche Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nella carne, ma reso vivo nello spirito. 19 E in spirito andò ad annunziare la salvezza anche agli spiriti che attendevano in prigione;

E’ da notare infine, che le resurrezioni operate da Gesù, narrate dai Vangeli, indicano un ritorno alla vita “normale” poichè sono solo segni della Misericordia e della Potenza di Dio, per suscitare la fede, per dare un anticipo della gloria futura; altra cosa la Resurrezione di Gesù che era libero dai condizionamenti del tempo e dello spazio e questa è la Speranza Cristiana Fratelli!

27 Gli si avvicinarono poi alcuni sadducei, i quali negano che vi sia la risurrezione, e gli posero questa domanda: 28 «Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se a qualcuno muore un fratello che ha moglie, ma senza figli, suo fratello si prenda la vedova e dia una discendenza al proprio fratello. 29 C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. 30 Allora la prese il secondo 31 e poi il terzo e così tutti e sette; e morirono tutti senza lasciare figli. 32 Da ultimo anche la donna morì. 33 Questa donna dunque, nella risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». 34 Gesù rispose: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; 35 ma quelli che sono giudicati degni dell’altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito; 36 e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio. 37 Che poi i morti risorgono, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando chiama il Signore: Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. 38 Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui». 39 Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene». 40 E non osavano più fargli alcuna domanda. (Lc 20,27-40; 16,19-30).

Gesù hai suoi contemporanei parla di Abramo, Isacco e Giacobbe dichiarandoli vivi in Dio, benchè fossero morti secoli prima!

25 Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; 26 chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?». 

Conclusione

Il Dio della Bibbia, miei cari, è il Dio della Vita! E quesato ci dev’essere di conforto! Non è ne facile, ne semplice, specie per chi subisce la perdita di una persona cara: è la cosa più brutta che ci possa capitare, questo è indubbio! Ed è anche giusto e leggittimo stare male! Altrimenti non saremmo umani! Però ad ogni modo dobbiamo convincerci che Dio non ci abbandona e ci ha fatto la promessa della Vita Eterna. Il mio augurio che faccio a me, in primis e a tutti voi è quello di sforzarci in questa vita, dando sempre il meglio di noi stessi amando e operando il bene secondo Dio e le disposizioni che ci offre la santa Madre Chiesa, affinchè al termine di questo pellegrinaggio possiamo giungere a Cristo e ricongiungerci nell’Eternità con tutti i nostri cdari che ci guardano da lassù. 
 

Preghiera

Dio Padre Santo, ti prego di benedire e guarire le ferite di coloro che hanno avute perdite di persone care, affinchè confortati dal tuo Amore e dalla Tua Parola possano riprendere il loro cammino, in te e con te, Te lo chiedo nel Nome di Gesù Cristo. Amen

(Pater,Ave, Gloria * secondo le intenzioni del papa Bendetto XVI).

 

by Giuseppe Lubrino

NB mi scuso anticipatamente per evnetuali errori di battitura e di ortografia. Grazie 😉
 

 

La vita dopo la morte (Riflessione Bibblica)ultima modifica: 2011-10-03T21:02:07+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo