Indifferentemente – interpretazione di Nino D’Angelo

Indifferentemente è una canzone napoletana del 1963, di Salvatore Mazzocco (musica) ed Umberto Martucci (testo) con edizione musicale La Canzonetta.

Tramonta ‘a luna…
e nuje, pe’ recitá ll’urdema scena,
restammo mane e mane,
senza tené ‘o curaggio ‘e ce guardà…
Famme chello che vuò
indifferentemente,
tanto ‘o ssaccio che so’:
pe’ te nun so’ cchiù niente!…
E damme stu veleno,
nun aspettà dimane…
ca, indifferentemente,
si tu mm’accide nun te dico niente.
E ride pure,
mentre me scippe ‘a pietto chistu core…
Nun sento cchiù dulore
e nun tengo cchiù lacreme pe’ te…
Famme chello che vuò
indifferentemente,
tanto ‘o ssaccio che so’:
pe’ te nun so’ cchiù niente!
E damme stu veleno,
nun aspettà dimane…
ca, indifferentemente,
si tu mm’accide nun te dico niente.
E indifferentemente
io perdo a te!

indifferentemente, nino d'angelo, poesie, amore, sud, core, anema, vita, pensieri

 

 

Indifferentemente – interpretazione di Nino D’Angeloultima modifica: 2011-09-07T20:42:55+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo