Uocchie ca me parlate – Totò

poesie napoletane, totò

Chist’uocchie tuoie che cagnano
culore ogne mumento
so belle quanno chiagneno,
so chine ‘e sentimento,
comm’ a ddoie fiamme ardente
songo stelle lucente
ca tiene nfronte tu!

Uocchie ca me parlate,
dicitincello a chi ve tene ‘nfronte
ca quanno me guardate
me sbatte ‘o core ‘mpietto comm’ a cche…
Uocchie ch’annammurate,
vuie site ‘a luce ‘e tutta ‘a vita mia…
Dicitelo a Maria
ca senza ‘e ‘st’uocchie nun pozzo campà!

Chist’uocchie tuoie ca parlano
direttamente o’ core
parole ca ‘ncatenano, sulo parole ammore,
chist’uocchie ca ‘ncantano
comme te ‘ncanta ‘o mare,
songo ddoje cose rare,
chesti ddoje luce blù !

Uocchie ca me parlate,
dicitincello a chi ve tene ‘nfronte
ca quanno me guardate
me sbatte ‘o core ‘mpietto comm’ a cche… 
Uocchie ch’annammurate,
vuie site ‘a luce ‘e tutta ‘a vita mia…
Dicitelo a Maria
ca senza ‘e ‘st’uocchie nun pozzo campà ! 
Chist’uocchie tuoie me parlano
direttamente ‘o core.

Fonte: www.antoniodecurtis.com

Uocchie ca me parlate – Totòultima modifica: 2011-08-07T10:36:00+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Uocchie ca me parlate – Totò

  1. Totò è un grandissimo! Le poesie e le canzoni sono stupende e rivelano una profondità di sentimenti oggi sconosciuta ai nostri figli e ai nipoti… Comunque anche loro, crescendo, matureranno e mi auguro che scopriranno la grandezza di Totò…

I commenti sono chiusi.