Jesce fore (testo di G. Lubrino)

 

testi, musica,

Jesce fore
affacciate ‘a fnesta
e sientame ‘e canta,
jesce fore
ca dopp’ a stà tempesta
na serenata te voglio regalà.

Jesce fore
ciore ‘e primmavera,
chist’uocchie tuoije
voglie ammirà,
pé l’urdema vota
te voglio vasà.

Jesce fore
nun può maletrattà
tutt’e sere stu povero core.

Jesce fore
siente comm’é doce
sta voce ‘e passione,
brucia comm’a ‘o Vesuvio
è fuoco ca chiove ncopp’a stu dulore
e cennare me fa addeventà! 

Jesce fore
nun può aspettà ‘o sole,
stanotte senza stelle,
sott’a stù balcone
a tte stò a aspettà. 

Jesce fore
famme vedé ca ‘a speranza
overo maije more,
puortame cu tte
int’a nu suonne d’ammore.

Jesce fore (testo di G. Lubrino)ultima modifica: 2011-08-04T17:01:00+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo