L’Amore vincolo indissolubile

Signore, Dio, lettere apostoliche, cristo, Spirito Santo+ Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani (Rm 8,35.37-39)
Fratelli, chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori grazie a colui che ci ha amati. Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, né potenze, né altezza né profondità, né alcun’altra creatura potrà mai separarci dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù, nostro Signore.

Riflessione:
Pace a voi fratelli! Ebbene vorrei porre sotto la vostra attenzione, questo brano dell’epistola di san Paolo apostolo ai CRISTIANI di Roma. Inanzitutto é doveroso fare un’osservazione: Paolo scrive ai cristiani di roma nell’inverno del 57-58 circa d.C., la comunità é composta da Giudei convertitesi a Cristo e da pagani e ciò già ci dice le difficoltà che accompagnavano questa comunità. Inoltre é da sottolineare che Paolo non era stato ancora a Roma, quindi chi ha fondato la chiesa di Roma che nel corso della storia fino ai nostri giorni é diventata la Chiesa madre? Ebbene i nomi dei primi eroi non ci sono pervenuti, ma i primi evangelizzatori furono i mercanti che dall’oriente andavano in occidente e non vanno esclusi i soldati che prestavano servizio in Giudea. Bene detto questo vorrei soffermarmi sul passo in questione: quante volte ancora oggi nella vita comunitaria, sociale e familiare viviamo situazioni di litigi, incomprensioni e distanze da persone a noi care? Beh la consolazione che ci dà lo Spirito Santo è che nulla al mondo ci potrà mai separare “dall’ Amore di Dio in Cristo!” perfino la morte che ai nostri occhi sembra portarsi con sé tutti e tutto può separarci dal Signore! Quale consolazione migliore? Talvolta si vivono dei momenti bui e tristi nella vita, anche e soprattutto i “cristiani” di oggi, ma non dobbiamo abbatterci fratelli!
Né pensare che non siamo degni di Cristo perché spesso in varie situazioni ci sentiamo persi, é proprio in quei momenti che dobbiamo intensificare la preghiera, la lettura costante della Parola e la frequentazione della santa cena. Beh, siatene certi che Dio non resterà inerme ma vi ristorerà!

“Maledetto é l’uomo che confida nell’uomo e pone nella carne il suo sostegno” (Geremia 17,5)

“Venite a me voi che siete affaticati e oppressi e io vi ristorerò” (Matteo 11,28)

Da dove mi verrà l’aiuto? Il mio aiuto viene dal Signore (Salmi 120,1-2)

By Giuseppe Lubrino

L’Amore vincolo indissolubileultima modifica: 2011-08-02T20:06:42+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo