PIANEFFORTE ‘E NOTTE di Salvatore Di Giacomo

Nu pianefforte ‘e notte
Sona lontanamente
E ‘a musica se sente
Pe ll’aria suspirà.

E’ ll’una: dorme ‘o vico
Ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tempo fa.

Dio, quanta stelle cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
Vurria sentì cantà!

Ma solitario e lento
More ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo o vico
dint’a all’oscurità.

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta funesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

fortepiano.jpg

PIANEFFORTE ‘E NOTTE di Salvatore Di Giacomoultima modifica: 2011-07-27T12:52:32+02:00da anemaecore8
Reposta per primo quest’articolo