Zeppole di San Giuseppe

Approfitto del momento della giornata, visto che è quasi ora di pranzo, per presentarvi la ricetta di uno dei dolci più squisiti ed amati della tradizione culinaria napoletana: le zeppole di San Giuseppe. Ma prima di metterci vicino ai fornelli, ecco a voi uno spunto poetico dedicato a questo buonissimo dolce: ‘E canuscite ‘e zeppule? Si nun pruvenite ‘a Napule … Continua a leggere

Chi sono i Padri della Chiesa?

I. NOZIONE. Il nome di Padri è di origine orientale. Gli antichi popoli d’Oriente, infatti, onoravano con questo appellativo i maestri, considerati come autori della vita intellettuale, originata dal loro insegnamento. In tale senso i discepoli delle scuole profetiche furono denominati filii prophetarum, e il loro maestro fu detto Pater (I Reg. 10, 12; 1 Sam. 40, 35). Nella Chiesa … Continua a leggere

Pizzette Fritte Napoletane

Ricetta Alla farina unire il lievito sciolto in acqua tiepida, patata bollita schiacciata, sale, 2 cucchiai d’olio. Aggiungere acqua tiepida e fare un impasto morbido. Far lievitare per 1 ora. Intanto fare una salsetta con aglio, olio, sale, pepe, prezzemolo, pomodoro. Spianare l’impasto a sfoglia spessa 1 cm; ritagliarne dischetti e friggerli in olio. Ricoprire ogni pizzetta con salsa e … Continua a leggere

Nino D’Angelo Marzo (di Salvatore Di Giacomo)

“Marzo” una nota poesia del grande Salvatore Di Giacomo diventata canzone. Interpretata da tante voci della grande Napoli. Nino D’Angelo noto cantautore partenopeo la incise nel 1999 nell’album doppio “Stella ‘e matina”, ove nel cd2 fece un omaggio ai grandi classici della canzone napoletana.

PIANEFFORTE ‘E NOTTE di Salvatore Di Giacomo

Nu pianefforte ‘e notteSona lontanamenteE ‘a musica se sentePe ll’aria suspirà. E’ ll’una: dorme ‘o vicoNcopp’a sta nonna nonna‘e nu mutivo antico‘e tanto tempo fa. Dio, quanta stelle cielo!Che luna! E c’aria doce!Quanto na bella voceVurria sentì cantà! Ma solitario e lentoMore ‘o mutivo antico;se fa cchiù cupo o vicodint’a all’oscurità. Ll’anema mia surtantorummane a sta funesta.Aspetta ancora. E resta,ncantannose, … Continua a leggere

“Nu surrise” (Testo di G. Lubrino)

Nun c’a faccio cchiù, ‘a tempesta è fernute ma stù sole nun esce maije, n’ata nuttata è passate ma ‘o dulure nun passa ‘o ssaije!   E famme nu surrise tant’a vita è chesta ccà! Chisà si mparavise ce sarrà a felicità… Regalame stu surrise e a tutt’o rieste nun ce penzà.   Nun c’a faccio cchiù, cu a scustumatezze … Continua a leggere